44.2 Ci Sono Anch'io - Resine viniliche: il punto della situazione

07/11/16

Resine viniliche: il punto della situazione  

Cogliamo l’occasione della notizia dell’ennesima cessazione della produzione di una resina vinilica utilizzata nel settore restauro (il Vinnapas CEF 10W), per riassumere la situazione e chiarire alcuni punti.
CTS ha da sempre proposto una varietà di resine viniliche, dalle diverse proprietà e settori di utilizzo, come si può vedere ai capitoli 1.1.4 delle varie edizioni del Catalogo Generale. A questi vanno ad aggiungersi gli adesivi della linea BEVA® (Capitolo 5.2).

Come è noto, i polimeri vinilici si sono da subito affermati nel settore del restauro per la loro capacità adesiva, e addirittura il primo utilizzo viene datato al 1932.
Possiamo tranquillamente affermare che nel settore dei restauri lignei, dal mobile meno nobile fino alla scultura più pregiata, il polivinilacetato in dispersione acquosa è stato ampliamente utilizzato in tutto il mondo. In Italia si è utilizzato il Vinavil fin dal 1952, che rappresenta un’eccellenza italiana oggi diffusa in tutto il mondo. Naturalmente anche altre case produttrici hanno i loro marchi, e nella tabella sottostante si riassume la generale situazione per quanto riguarda l’utilizzo nel restauro.  

Nome                      
  Tipo di resina                Forma fisica                           Proprietà caratteristiche                Settore di utilizzo*
(produttore)

Vinavil 59                
   PVA                                Dispersione acquosa                 Forte adesione                                 Legno, carta, materiali porosi
(Vinavil)
Vinavil Blu NPC           PVA                               Dispersione acquosa                  Forte adesione                                 Legno, carta, materiali porosi

(Vinavil)
Peoval 33                   PVA-VeoVa                    Dispersione acquosa                  Forte adesione, flessibilità                Additivo per malte
(C.T.S.)
Vinnapas CEF 10W    PVA-EVA-PVC               Dispersione acquosa                  Forte adesione                                 Additivo per malte
(Wacker)
Mowilith DS 5/2           PVA-maleato di butile    Dispersione acquosa                  Adesione, flessibilità                         Carta e tessuti

(Celanese)
Eva Art                       EVA                               Dispersione acquosa                  Adesione, flessibilità                          Carta, tessuti, dipinti

(C.T.S.) 
K40 e K60                 
PVA                               Solido da sciogliere in alcool       Forte adesione                                  Archeologia

(Vinavil)
Mowital B60HH           PVB                               Solido da sciogliere in alcool       Forte adesione                                  Archeologia

(Celanese)
Alcool polivinilico        PVOH                            Solido da sciogliere in acqua      Fissativo e adesivo                            Pitture murali

Beva 371  
                EVA e altro                     Pasta viscosa                             Adesione, flessibilità                          Dipinti, tessuti

(C.T.S.)
Beva Gel                   EVA e resina acrilica       Pasta viscosa                             Adesione, flessibilità                          Dipinti, tessuti
(C.T.S.)
Beva D-8-S               EVA-PVA-PVOH              Dispersione acquosa                  Forte adesione                                  Dipinti, tessuti
 
(C.T.S.)


Prodotti non più esistenti
* Per settore di utilizzo si considera quello principale o indicato nella scheda del produttore, ma questo non toglie che il prodotto sia utilizzato anche in altri settori
PVA = polivinilacetato
EVA = etilenvinilacetato
PVOH = alcool polivinilico
PVB = polivinilbutirrale
VeoVa = Estere vinilico dell’acido versatico  


La forzata assenza del Vinnapas non trova un’esatta alternativa, e per questo consigliamo di orientarsi o sul Peoval 33, o sull’Eva Art, a seconda delle situazioni. Nella tabella sottostante si riportano i dati tecnici dei tre prodotti, in modo da poter effettuare una rapida comparazione.



                                                         VINNAPAS CEF 10W                                                       PEOVAL 33                                                        EVA ART
Resina base:                   
Etilenvinilacetato Vinilcloruro (PVA-EVA-PVC)              Vinilacetato Vinilversatato (PVA-VeoVa)             copolimero Etilenvinilacetato (EVA)

Aspetto:                                        
liquido lattiginoso bianco                                           liquido lattiginoso bianco                                    liquido lattiginoso bianco
Residuo secco (%):                                        50                                                                              42                                                                       50
Viscosità a 20°C.( mPa.s):
                          
2700                                                                     7000-12500                                                         1500-2500

pH:                                                              
5-7.5                                                                          2,5-4                                                                     6,0

Densità (Kg/dm3):
                                      
  1,08                                                                            1,0                                                                       1,1

Diametro medio particelle (micron):              
 0,1                                                                         0,15-0,2                                                                0,3-1,8

Tg = temperatura transizione vetrosa (°C):  
17                                                                               -1                                                                        14

Mft = temperatura minima di filmazione (°C): 
3                                                                                 1                                                                          3

Allungamento alla rottura
(ISO 527 – UNI 8422) (%)                            
550                                                                             450                                                                      750
Carico di rottura
(ISO 527- UNI 8422) (N/mm2)
               
4 (DIN 53455)                                                                     4                                                                          7
   

Il Peoval 33 è un ottimo additivo per malte, anche migliore dell’Acril 33, come evidenziato da uno studio dell’Università di Firenze, descritto nel Bollettino CTS 25.3 “Additivare una malta”. Non può essere impiegato su materiali cartacei, tessuti o legno a causa del suo basso pH, né essere usato come fissativo sulle superfici, dato che la sua bassa temperatura di transizione vetrosa porterebbe all’assorbimento di polvere.

Invece l’Eva Art è proprio l’ideale per effettuare incollaggi su materiali sensibili al pH, e la sua flessibilità lo aveva già reso un’alternativa al Mowilith per i consolidamenti dei tessuti. Un recente studio ne ha attestato la stabilità all’irraggiamento.    

Bibliografia
Eva Mariasole Angelin,
Caratterizzazione delle proprietà colorimetriche e di stabilità alla luce di materiali polimerici trasparenti in uso nel restauro” Tesi di Laurea Magistrale, 2015

-
-
-